Cantina Nepos Villae

[['Valpolicella Classica. Vino scolpito nella pietra.' || 'no-text']]

[['Un territorio intriso di storia e umanità, contrassegnato da piccoli borghi di pietra e contrade silenti, da fontane antiche e lavatoi di marmo. Dorsali attraversate da lunghi muretti a secco, le marogne, scolpiti tra marna e roccia, a sostegno di vigne, olivi e ciliegi. Antiche pievi romaniche sollevano i campanili oltre lo sguardo. Marcano il territorio e si fondono con torri e rovine di castelli medievali. Capitelli griffati da affreschi ancestrali, rimangono a sentinella dell’anima dell’uomo. La Valpolicella racconta silenzi e palpiti di un’umanità mai doma.' || 'no-text']]

[['La vigna oltre il giardino' || 'no-text']]

[['Allevata con l’antico sistema a doppia pergola veronese, la vigna di famiglia si trova proprio dietro la villa, oltre il piccolo giardino. Una composizione di verde che si allunga sospesa tra la marogna di pietra e il terrazzamento. Corvina gentile, Corvina grossa e Rondinella sono le nostre uve. Poggiate su un suolo marnoso, bianco, tipico della Valle di Negrar. Rocce robuste, fusioni fossili tra calcare e arenarie marine.' || 'no-text']]

[['La pieve tra le vigne' || 'no-text']]

[['A fianco della Villa, nel 1690, venne edificata una piccola chiesetta, ancor oggi adibita al culto. I vignaioli temevano le avversità delle stagioni e del clima. La presenza di una piccola pieve tra le vigne era segno di devozione e speranza di generosità divina. La pieve di San Francesco è stata un punto di riferimento per le tante contrade e case sparse che si trovavano lungo le antiche vie romane in alta collina. La campana tintinna ancor oggi e fa sentire la sua voce tra le vigne dell’Amarone.' || 'no-text']]
La nostra villa I nostri vini